Matteo Staffini

 

Strumenti conosciuti / doti canore:

Chitarra

Biografia:

Matteo Staffini nasce a Milano dove risiede e lavora.Inizia lo studio della chitarra con Sergio e Bruno Giuffredi, diplomandosi poi come interno presso il conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano con Paolo Paolini. Segue corsi di perfezionamento con grandi interpreti, tra cui: David Russell, Andrea Dieci e Pavel Steidl.
Studia pianoforte con Claudio Riva e didattica della musica con Carlo Delfrati e Francesco Bellomi. Tiene concerti regolarmente come solista e in duo con il violinista Andrea Pace, con cui fonda il duo Anteo che riceve riconoscimenti in concorsi nazionali ed internazionali. Partecipa a trasmissioni radiofoniche e a “Telethon” nel 1996. Nel dicembre 1992 suona privatamente per S.E.Card.Carlo Maria Martini presso l’arcivescovado in Milano. Nel 1994 incide un cd in live-recording presso l’abbazia di S.Alberto in Butrio dedicato a Ferdinando Carulli. Nel 1995 fonda insieme al chitarrista e compositore milanese Nicola Jappelli il duo stabile “Pietro Gallinotti” eseguendo il repertorio ottocentesco con strumenti d’epoca.
Nel mese di dicembre del 2002 suona in duo con il violino di spalla dell’orchestra del Teatro alla Scala Anahi Carfi. Altre collaborazioni: con l’attrice Olga Re, con Salvatore Failla in qualità di mandolinista, con la flautista Corinna Trasatti e come componente del quartetto chitarristico “Landscapes”. Ha inoltre al suo attivo svariate partecipazioni a rappresentazioni operistiche in qualità di strumentista. Il 25 aprile del 2001 suona in piazza del Duomo a Milano con altri 5 strumentisti davanti a circa trentamila persone. Come compositore pubblica regolarmente per le case editrici “Sinfonica” e “Rugginenti” ricevendo ottime recensioni. Collabora per circa dieci anni con il liutaio Angelo Margutti e nel 2003 registra uno speciale sulla liuteria per le reti Mediaset con il liutaio Maurizio Foti. A Matteo Staffini sono state dedicate opere dai maestri Nicola Jappelli, Bruno Giuffredi, Dario Toffolon e Alessandro Bonicelli.
Nell’estate del 2004 vince una prestigiosa borsa di studio presso la fondazione Cini di Venezia che gli consente di frequentare all’isola di San Giorgio un master sulla chitarra ottocentesca con Pavel Steidl. Nel ottobre 2007 ultima con il massimo dei voti il biennio di alta formazione musicale ad indirizzo concertistico presso il conservatorio “L.Cherubini” di Firenze. Suona una chitarra classica di Stefano Moccetti del 2008, una Toni de Stefano del 2009 e una Hermann Hauser del 1921.

Sito Internet: www.matteostaffini.it

I commenti sono chiusi.