Diego Cantalupi

 

Strumenti conosciuti / doti canore:

Chitarrone, Arciliuto, Chitarra, Tiorba

Biografia:

Nato a Milano, si è diplomato in chitarra, sotto la guida di Mauro Storti; in seguito si è dedicato allo studio della prassi esecutiva rinascimentale e barocca seguendo i corsi di liuto della sezione di Musica antica della Civica Scuola di Musica di Milano (M° P. Beier) e del Conservatorio di Parma (M° Andrea Damiani e M° Tiziano Bagnati), diplomandosi in liuto a pieni voti.
Nel 1996 si è laureato con lode in Musicologia presso la Scuola di Paleografia e Filologia Musicale di Cremona (Università di Pavia) con una tesi sulla tiorba come strumento per la realizzazione del basso continuo in Italia.
Ha frequentato i corsi di musica da camera antica e accompagnamento per cantanti organizzati dalla Scuola di Paleografia e Filologia Musicale di Cremona, tenuti da N. Rogers, E. Gatti, L. Alvini e G. Garrido.
Ha collaborato con numerosi ensemble e direttori in qualità di continuista (tiorba, arciliuto e chitarra barocca); tra gli altri: Ensemble Zefiro, Alfredo Bernardini; Ensemble Risonanze, Carlo Chiarappa; Athestis Chorus, Filippo Bressan; Accademia di S. Rocco e Venice Baroque Orchestra, Andrea Marcon; Il Proteo, Sergio Azzolini; Cappella Savaria.
Ha registrato per diversi Enti Radiofonici europei, tra i quali RAI, Österreichischer Rundfunk, WDR.
In qualità di direttore, solista e di continuista ha partecipato a importanti festival e rassegne, tra i quali Musica e Poesia a S. Maurizio – Milano, Festival di Musica Antica di Cremona, Festival internazionale di Musica Sacra – Monreale, Bologna Festival, Ferrara Musica, Festival di Salisburgo, Settimane di Musica antica della Fondazione Gulbenkian, Lisbona, ecc.
Ha svolto ricerche su autori italiani e tedeschi curando trascrizioni ed edizioni delle loro musiche. Collabora come consulente musicologico con numerosi ensemble nel reperimento di fonti musicali inedite e nella preparazione di edizioni critiche.
Il suo ultimo disco solistico dedicato alla figura di Kapsberger ha ottenuto numerosi consensi di critica ed è stato premiato dalla rivista specializzata Musica con 5 stelle.

I commenti sono chiusi.